Adolf Schulten e Tartessos

Tartessos, che la civiltà enigmatica che dà nome al Web e di cui oggi c’è ancora incertezza sulla sua origine e la sua fine, è ancora in questi tempi un’attrazione per gli archeologi e storici che cercano di decifrare i loro misteri e di chiarire un episodio di La storia di Antigua dell’Andalusia.
Mentre ancora facendo gli studi senza ottenere con la chiave, dovremmo accennare una persona che era un pioniere negli studi di questa civilizzazione persa. Se Troy ha avuto il suo Schliemman, Tartessos aspirava ad avere il suo archeologo proprio scopritore che non ha raggiunto la fine, ma è diventato un pioniere. Ci riferiamo al tedesco anche Adolf Schulten.
Adolf Schulten, era ossessionato con la ricerca di Tartessos inizio prima dallo studio delle fonti classiche come la Bibbia dove il commercio è stato menzionato con Tarsis o fonti greche come Erodoto, Estrabon e altri autori che hanno menzionato i loro viaggi a Tartessos, oltre i pilastri di Ercole.
Conoscendo queste fonti letterarie, Schulten andò in Andalusia convinto dell’esistenza del regno mitico dove secondo le fonti greche era governato dal re Argantonios che visse più di 120 anni e governò vicino ad un secolo. Le fonti letterarie hanno accennato che Tartessos era un regno ricco in cui l’argento ed il rame hanno brillato nell’abbondanza e dove i villaggi come i Fenici sono arrivato per stabilire le relazioni commerciali. Questo Regno avrebbe un capitale che, secondo le fonti letterarie potrebbe essere alla foce del Guadalquivir, altri nel corso di mezzo o anche in alcuni casi vicino alla Sierra Morena dalla logica della abbondanza di argento in quella zona.
Tuttavia, nella conoscenza di queste fonti letterarie greche, dove la ricchezza della città è stata accennata con le costruzioni importanti e un orificio commerciale in un fiume, la relativa ricerca ha cominciato nella zona della bocca del Guadalquivir, della zona di Doñana e della zona delle paludi. Del Odiel, Huelva.
La sua ricerca non ha dato con qualsiasi città mitica, che ha anche legato alla scomparsa Atlantide, tuttavia trovato resti di una città romana nella zona di Huelva capitale e anche se interpretato i testi letterari quasi alla lettera, è servito a creare Precedente. Solo la guerra mondiale (ha iniziato i suoi studi nel 1920) e la fine dei fondi per finanziare i loro scavi finito il loro sogno.
Oggi, qualcosa di diverso è stato affrontato da scienziati con scoperte di resti e tesori nel Ebora scomparso (Sanlúcar de Barrameda) e il tesoro dell’agnello a Siviglia. Anche se oggi le teorie sono diverse arrivando a dire che Tartessos era una fusione di cultura locale con l’influenza orientale fenicia, non possiamo ovviare che Schulten ha dato il colpo a questa gara che non è ancora finita.
Nel momento in cui Scoprite qualcosa di più su questa civiltà enigmatica, molti saranno gli omaggi e i riconoscimenti che dovranno ricevere questo studioso tedesco che cerca di scoprire un po’ più della nostra origine.