Membrillo Bajo

Una delle città con una storia tragica, fenomeni paranormali e apparizioni di fantasmi, cioè El Membrillo Bajo, a Huelva, una città che oggi è più che abbandonata, rasa al suolo dalle sue fondamenta. Oggi le sue rovine o ciò che rimane della città, sono ricoperte di piante, come testimonianze di quello che era un tempo una frazione di Zalamea la Real, abitata da poco più di 100 abitanti. Ognuna delle pietre ha un tragico anno: 1937. Quell’anno la guerra civile, il paese fu cancellato dalla mappa come uno scarabocchio, su e bombardato da un gruppo di militanti di Falange, come un gruppo paramilitare e membri dell’esercito che ha servito supporto. I suoi abitanti sono fuggiti nelle città vicine come Zalamea o El Membrillo Alto. Ma molti di loro sono stati torturati e uccisi da machete, poiché secondo gli stessi falangisti, questo ha salvato loro le munizioni. Fu un massacro su vasta scala, un massacro iniziato con una disputa dal diciannovesimo secolo in cui gli abitanti del villaggio rivendicarono 150 ettari di proprietà terriera che furono infine espropriati dalla terra dalla Repubblica spagnola. Questo è stato il grilletto e la scusa per il massacro.

Oggi è una città abbandonata, ma non possiamo smettere di immaginare nel suo recinto silenzioso che è accaduto in quella fatidica estate. Tuttavia, le immagini e i suoni di quel momento devastante continuano ad apparire nella zona come un film di alta qualità.

Diversi vicini e altri testimoni affermano di aver visto figure umane tra le rovine della città, di aver sentito rumori di movimento tra le pietre e strane luci in un’area non abitata.

Molti di questi rumori sono suoni di orrore e immagini di morte e desolazione, nonché un odore permanente di ferro, un tipico odore di sangue mescolato a fuoco e legna bruciata.
I migliori hotel del mondo in saldo su Hotelsclick.com