Pellegrinaggio della Vergine di Valme

Questo pellegrinaggio e evento religioso, che si tiene nella città di Dos Hermanas nella terza Domenica di Ottobre, e il pellegrinaggio è un trasferimento della Beata Vergine dalla chiesa di Santa Maria Maddalena (chiesa barocca del XVII secolo) di due sorelle l’eremo del Cortijo del Cuarto, situato a Siviglia, nel quartiere di Bellavista, e che non fu fino al 1937 quando passò a Dos Hermanas. Questo pellegrinaggio è di interesse culturale ma ha una storia e un processo alle spalle.

L’immagine della Vergine è una scultura su due lati di due figure scolpite in legno e policromo. Si ritiene che la sua origine sia medievale, il tredicesimo secolo, come è indicato, San Fernando nella Conquista di Siviglia, affidata a lei. Una volta conquistata la capitale spagnola, il re costruì una cappella nella zona di Valme e qui metto l’immagine a cui invito – seduto a Santa María con suo figlio seduto sul lato sinistro,

 Secondo i fatti, ai piedi dell’immagine, lo stendardo fu rimosso dai musulmani e presto l’Hermitage divenne presto un luogo di pellegrinaggio per contadini e abitanti dei villaggi dalle aree più vicine; anche se non ci sono dati che il pellegrinaggio non sia iniziato prima del 17 ° secolo. A quei tempi la festa veniva celebrata il secondo giorno di Pentecoste pasquale. Tuttavia, la devozione a María de Valme era più profondamente radicata nella città di Dos Hermanas, dove apparteneva il Cortijo de Cuartos. e la sua immagine fu portata in processione per chiedere protezione contro le catastrofi

Fino al XIX secolo, in particolare in ritardo, il tempo di picco si verifica con il ristabilimento della confraternita del XVII secolo e in questo momento è quando la celebrazione è deciso da un pellegrinaggio al Santuario della stanza con l’immagine della Beata Vergine, come al momento. Questo primo pellegrinaggio sarebbe celebrato nel 1894 e sarebbe fatto ogni anno.

I primi anni del pellegrinaggio e fratellanza erano duri come per coprire le spese, ha dovuto superare numerosi beni come attrezzature agricole o il bestiame in aggiunta alla famiglia Miura, proprietaria del Cortijo de Cuarto, aveva proibito il passaggio del entourage Romera per i suoi raccolti.

Infatti, nei primi anni del ventesimo secolo, le difficoltà economiche non consentivano quasi nessuna uscita, situazione che si mantenne fino al 1916, quando un gruppo di fratelli propose di celebrare nuovamente il pellegrinaggio. Da qui in poi, il sindaco decise solo di sovvenzionarlo e dal 1916 al 1930 ci furono processioni annuali.

È tempo di motorizzazione, non arrivano solo i cavalieri ma autobus carichi di pellegrini e pellegrini e numerosi predicatori. L’esterno del carro della Vergine è migliorato. Un periodo, in breve, splendido, in cui il Romme de Valme, essendo il più attivo dopo la Virgen del Rocío.

Gli anni ’30 furono socialmente difficili, specialmente con la proclamazione della Repubblica, dove i simboli religiosi furono banditi e il pellegrinaggio fu addirittura messo in pericolo. Anni di anarchismo e conflitti sociali che costrinsero nel 1934 e nel 35 la celebrazione della stessa in un’atmosfera intima senza la festa degli anni precedenti.

La guerra civile, tra il 1936 e il 1939, lasciò il Dos Hermanas in una situazione economica disastrosa, sebbene i pellegrinaggi fossero celebrati con fervore religioso e un’atmosfera meno festosa. Una riforma è stata fatta nel tabernacolo e la situazione è migliorata grazie ai contributi delle persone ad essa collegate

Negli anni ’60, la Confraternita si rinnova influenzando il pellegrinaggio. Così, quello che conosciamo oggi è adottato come modello dell’esternalità del carrello; i manifesti e le convocazioni dei culti e della Romeria sono pubblicati a colori; la proclamazione in onore della Vergine è stabilita; il numero di cavalieri, carretti e pellegrini sale considerevolmente, circa centomila persone; una campagna per crescere i fratelli e diffondere il pellegrinaggio inizia …

Nel 1973 fu realizzata l’Incoronazione canonica della Vergine di Valme e nel 1993 ricevette la visita di Sua Santità Papa Giovanni Paolo II.

Come abbiamo indicato il pellegrinaggio ha inizio la terza Domenica del mese di ottobre all’alba, con la massa di pellegrini nella parrocchia, allora l’immagine della Vergine si sposta al suo carro, realizzato con migliaia di carta velina fiori fatti a mano. I colori cambiano da giallo, rosa, blu e arancione a bianco. Le colonne sono decorate con verdi e canestri con mille canne di tuberosa. Il carro è trainato da buoi.

La processione accompagna la vergine a cavallo o a piedi, le donne sono vestite di flamenco. Questo pellegrinaggio è uno dei più grandi numeri di persone e una devozione per una vergine medievale legata alla provincia di Siviglia.