Attività sportive questo autunno in Andalusia

Ora che l’estate è finita, anche se le temperature saranno ancora alte in Andalusia, è un momento per le attività sportive che sfruttano le numerose aree naturali e in alcuni casi urbane della nostra regione.

Da alcuni anni lo sport è un’attività turistica nelle zone in cui la stagione del sole e della spiaggia finisce ma anche nelle aree interne naturali e urbane. Sempre più turisti cercano attività più attive e avventurose sfruttando il paesaggio, la natura e perché no lo spazio urbano.

L’Andalusia offre numerose offerte e luoghi per attività sportive all’aperto da vivere in famiglia, per la competizione e semplicemente come divertimento. Queste attività possono essere svolte liberamente, ma ci sono anche numerose aziende specializzate in attività di turismo attivo e sportivo.
Abbiamo iniziato a parlare di attività sportive nello spazio urbano, essendo la più popolare, la gara urbana, sia nella sua forma di Maratona, sia nella mezza maratona che dagli anni ’80 aumenta sempre più i suoi utenti e follower. Questa attività derivata dall’atletica, combina lo sport di un’importante durezza e un circuito urbano dove è possibile godere della vista delle principali aree monumentali e storiche. A Siviglia nel mese di febbraio e Malaga nel mese di novembre, maratone internazionali che fanno parte del circuito internazionale IAAF e ogni anno attira migliaia di corridori si svolgono. Altri casi sono Mezza Maratona Cordoba e Jerez e se siete alla ricerca di uno spazio diverso, la croce di campo Italica attraverso il fondo delle rovine della città romana di Italica.
Un altro sport o attività di turismo attivo che attira migliaia di seguaci sono gli sport acquatici come il surf, SUF vento o kite surf riempie tutto l’anno in prossimità dello stretto di Gibilterra, atleti spiagge a causa della presenza di venti forti e onde che deliziano i fan. La vela ha anche nelle sue diverse modalità seguaci di alto potere d’acquisto che non solo fanno regate in estate ma anche in tempo di condizioni meteorologiche avverse.
Tuttavia, gli sport acquatici sono accessibili a tutti i budget in una modalità nata anni fa, in canoa in kayak. Il kayak può essere utilizzato in singola, doppia o quattro persone che approfittano del mare o le molte aree fluviali come il fiume Guadalquivir che passa attraverso Siviglia e Cordoba o in aree naturali come paludi degli Uroni a Cadice Pantano de Zahara de la Sierra , Pantano de Iznajar a Córdoba. Nonostante tutto, raccomandiamo un giro in kayak lungo il Guadalquivir fino all’altezza del Parco Nazionale di Doñana, con la possibilità di vedere gli abitanti dello spazio di specie animali.

Se possibili opzioni più economiche sono il trekking o escursioni in diverse aree montane dell’Andalusia, con percorsi di varia difficoltà e praticare una nuova tendenza chiamata bastoncini da Nordic Walking, che sostengono e di supporto vengono utilizzati. Le zone più consigliati sono la Sierra de Aracena, Grazalema, Sierra Norte de Sevilla, la Sierra de las Nieves e la Sierra de Cazorla.

Anche se si preferisce indurire, alpinismo o speleologia, sempre con il più adatto per questa apparecchiatura, si può godere della natura e sport d’avventura. Per queste aree si raccomanda Sierra de Grazalema e Sierra de las Nieves di grotte del gatto o Menga come aree di attività. Quando è possibile fissare una prenotazione, non mancate di andare al Caminito del Rey, in una prova di trekking e alpinismo con momenti di stress e vertigini.

Pantano de Bembézar (Córdoba)

Tuttavia, un re degli sport di montagna, dello sci ovviamente è praticato nella stazione sciistica della Sierra Nevada, ed è lo skipass, uno dei più bassi in Spagna, con una serie di offerte di alloggio e noleggio di attrezzature piuttosto economico . Tuttavia, se non ti piace lo sci o semplicemente non hanno i soldi per esso, è possibile escursioni con le ciaspole attività sciistiche, godersi una passeggiata in una zona del Parco Nazionale della Sierra Nevada.

Non possiamo dire che quando l’estate è finita, il tempo è noioso in Andalusia. Attualmente, ci sono molte offerte di turismo attivo e sport da godere durante le visite nella nostra regione.

Ecoturismo, patrimonio naturale e biodiversità dell’Andalusia.


A causa della sua varietà di paesaggi e di spazi geografici, l’Andalusia è una regione ideale per la realizzazione dell’ecoturismo, e anche per il suo grande patrimonio naturale e la sua biodiversità.

La sua grande estensione e numerosi paesaggi in cui spiccano aree marine, zone umide, fiumi, torrenti e montagne ne fanno una regione ideale per attività turistiche sostenibili.

Queste attività sono di solito di tipo sportivo anche se la visione ecologica dello stesso interviene anche perché senza l’esistenza di questi spazi al di fuori della mano dell’essere umano, non sarebbe possibile.

Per alcuni anni le attività sportive sono state svolte in molti casi molto salutari, dal momento che c’è un’immersione in spazi naturali da cui possiamo godere il loro patrimonio naturale e la biodiversità, molto variegati nella nostra regione.

I soliti sport d’avventura come trekking, kayak rapids, mountain bike, alpinismo o equitazione, si uniscono semplicemente a quelli basati sulla semplice osservazione della natura, diffusa in altri paesi con maggiori riserve naturali estensione e più ricchezza naturale.

Andalusia ha molte aree naturali con una certa protezione, mettendo in evidenza i due parchi nazionali di Doñana e la Sierra Nevada (gasdotto Parco Sierra de las Nieves), parchi naturali o riserve naturali, piuttosto che visitare molti sostenitori di ecoturismo.

La posizione tra due continenti e l’esistenza di questi spazi naturali hanno trasformato la regione in un’area di osservazione degli uccelli, conosciuta in tutto il mondo come Birdwatching, e dove possiamo osservare tutte le specie di uccelli che vivono, in inverno o attraversano la nostra regione.

Le aree emblematiche per questa attività è lo spazio di Doñana, la Laguna de Fuente de Piedra (per la presenza di fenicotteri) o il Parco Naturale dello Stretto, dove possiamo vedere gli uccelli che attraversano in autunno o in primavera, però Andalusia ha numerosi posti come le lagune steppiche del sud di Córdoba o Siviglia, o il parco naturale della Sierra de Cazorla, Segura e le ville.

Questo tipo di osservazione ci permette di vedere questi uccelli emblematici come la cicogna, il (molto minacciata e residente di Doñana e la Sierra Norte de Sevilla) aquila imperiale, l’ibis calvo nello stretto o gipeto nel Parco Naturale della Sierra de Cazorla , Sicuro e le ville.

Tuttavia, gli uccelli non sono solo l’unica biodiversità della regione, dal momento che queste specie abitano diverse aree colonizzate da specie vegetali molto diverse e in biotopi separati.

In particolare i pascoli della foresta mediterranea con querce che attraversa la Sierra de Aracena, Sierra Norte de Sevilla e la Sierra de Hornachuelas a Córdoba, denominato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, dove non solo vivono specie selvatiche, ma specie domestiche come il toro coraggioso o maiale iberico.

Sierra de Grazalema a Cadice e la Sierra de las Nieves a Malaga noti per avere foreste pinsapo, l’abete rosso a sud d’Europa, una reliquia delle ere glaciali e in via di estinzione. Non lontano da questa regione, la stessa provincia di Cadice, colpite da umidità nello stretto di Gibilterra, nel parco delle Ghiande, mette in luce una serie di chiamate canutos foreste, che sono simili a l’alloro della specie subtropicali Isole Canarie.

Tuttavia, ciò che attrae maggiormente l’osservatore è di essere in grado di incontrare quelle specie di animali che popolano la natura ed essere in grado di osservarle nel loro ambiente.

La stella del corso è la lince iberica, in via di estinzione, anche se in lenta ripresa, grazie agli sforzi di conservazione, e dove con un po ‘di fortuna potremmo vedere a Doñana o la Sierra de Andújar.

Un’altra specie da evidenziare, sebbene altrettanto sfuggente, è la genet, probabilmente introdotta dai Fenici e visibile solo di notte. Possiamo anche evidenziare un abitante appartenente alla fauna africana, la mangusta, una mangusta in proliferazione proprio a causa della minaccia della lince.

Nel sud, nelle pinete, siamo riusciti a trovare le specie comune camaleonte si trovano in Europa, solo nelle foreste di pini di Huelva, Cadice e Malaga, con un rettile quasi esotico con un’origine sconosciuta.

La ricchezza faunistica si estende anche alle zone umide come paludi, lagune, fiumi e torrenti con specie piscivore o anfibie della zona come il tritone iberico o il giusquiamo.

E ‘ben noto biodiversità marina della regione, tuttavia per alcune attività subacquee anni offerti nello Stretto, la costa mediterranea di Granada e Almeria e dove contemplato alla ricchezza acquatica, mettendo in evidenza le foreste di piante da fiore. Tuttavia, possibilmente, le specie emblematiche della regione, nella zona marina, con il permesso degli uccelli, sono i cetacei.

In estate, quando arriva la stagione delle migrazioni, numerose compagnie che partono da Tarifa o Algeciras, fanno incursioni nel mare per visualizzare sia in superficie che sott’acqua, i cetacei che migrano nel Mar Mediterraneo. Le specie che possono essere viste con un po ‘di fortuna sono la balena comune, la balena pilota, il delfino tursiope e l’Orca.

Non dobbiamo dimenticare che la palude di Doñana mostra ogni anno prima della fine dell’estate, la raccolta di bovini selvatici che vagano nella palude in uno spettacolo della natura e ricorda anche che l’Andalusia è una terra di cavalli ma che sarà un’altra storia.

I migliori hotel del mondo in saldo su Hotelsclick.com

Il parco dei Toruños


Non riuscivo a immaginare come un bambino, che questo spazio circondato da saline, che erano la continuazione di Playa de Valdelagrana, il mio posto estate a El Puerto de Santa María, sarebbe diventato una zona protetta, santuario degli uccelli e il luogo per l’ecoturismo , il parco dei Toruños.

Come un bambino che abbiamo usato per prendere una piccola strada fuori limite di urbanizzazione, che non ha raggiunto le case, e che ci ha portato alla spiaggia di Playa de Levante non sviluppata separati da tubi che popolarmente chiamato “Ramones” e dove abbiamo usato per andare dato che era il posto dove arrivare con il tuo animale domestico e dove le famiglie sarebbero andate in un posto senza la massificazione delle spiagge urbanizzate. Non immaginavo che alla fine di quel mese di luglio del 1989 sarebbe diventato un parco naturale.

L’intero complesso, circondato da pinete che usato essere caccia di pernici e conigli e acquitrini naturali e artificiali gradualmente stato circondano recinzioni al punto che l’accesso ai veicoli finora è stato limitato a solo essere consentito passaggio pedonale o ciclista.

Da quel momento abbiamo scoperto uno spazio naturale di cui non eravamo a conoscenza. Quando eravamo a piedi senza la presenza di veicoli a motore, abbiamo potuto vedere le specie di animali che si muovevano intorno, rettili, conigli e tutti i tipi di uccelli che popolano la palude e il fiume San Pedro.

Numerosi spazi divennero zona di nidificazione come il sale che si è rilevata abbandonata per passare al ecosistema marino e consentendo lo scambio con l’estuario e il mare, un processo di protezione che ha portato ad un aumento della biodiversità.

A causa dell’azione umana in declino, gli uccelli hanno trovato un rifugio per la nidificazione, come gabbiani, cicogne, spatole, pivieri e sterne, rendendo il parco un luogo ideale per gli amanti di ornitologia.

parque de los toruños

Il parco ha un ponte di legno che collega le due sponde della foce di San Pedro, vicino alle paludi del Toruños e la pineta Algaida.

Questo spazio, immerso nel Parco Naturale della Baia di Cadice, è uno spazio per gli sport della natura. Non dobbiamo perdere i sentieri escursionistici lungo diverse aree di vedere gli ecosistemi come il Pinar de l’Algaida (se siamo fortunati possiamo vedere il camaleonte), la palude e tempesta invernale Lagunas, che sono coperto di fiori durante la primavera regala un colore spettacolare al parco.

modi diversi e diversi gradi di difficoltà sono l’ideale per gli amanti della mountain bike, godendo di un paesaggio naturale con lo sfondo della città di Cadice e dei suoi cantieri navali.

Per gli amanti del mare, escursioni in kayak sono offerti e la vela lungo il fiume San Pedro, e con la quale ci si può muovere anche i tubi, ricordando più come ecosistema a un mangrovie tropicali, dove si possono vedere gli uccelli si avvicina mangiare anche a vedere saltare su di noi banchi di pesci che si stanno avvicinando per alimentare la palude.
Queste sono le attività del giorno, ma di notte le cose cambiano. In pochi anni, sono stati raccolti gli eventi sportivi e percorsi di sopravvivenza notturno che danno una particolare atmosfera, ma non dobbiamo dimenticare neanche, il Playa de Levante come luogo di visione astronomica e dove si possono vedere le stelle ei pianeti utilizzando il telescopio e altri mezzi tecnici di questa disciplina. La notte tra il 12 e il 12 agosto, con la caduta delle Perseidi, una visione di queste stelle cadenti sulla spiaggia di Levante è un’esperienza indimenticabile.
Anche se non è esente da pericoli e minacce, possiamo dire che la protezione in questo spazio si sta dando i suoi frutti e siamo in grado di dare come un ruolo di un tipo di turismo sostenibile.